Seleziona una pagina

Situato lungo la costa orientale dell’isola, Triei è tra i paesi più suggestivi per la sua natura selvaggia, circondato da boschi di lecci, sugherete, carrubi, olivastri e dalla macchia mediterranea, ospitanti una fauna varia.

In primavera le colline si vestono del giallo intenso dei fiori di ginestra, infatri il suo nome deriva da “Trieu”, toponimo nuragico che significa luogo ricco di ginestre.

Sulla sua fondazione si ricordano varie leggende: una narra che il paese fu fondato dalle popolazioni costiere che si spostarono verso l’interno per sfuggire ai saccheggi e alle violenze dei Saraceni; un’altra che gli abitanti dell’altopiano di “Osono”, situato a 3 chilometri dall’odierno abitato di Triei, scesero a valle nel tentativo di salvarsi da una pestilenza.

Il paese è dominato dalla Chiesa dei Santi Cosimo e Damiano; interessanti gli affreschi risalenti al ‘300. Il patrimonio agricolo è costituito principalmente dalla coltivazione di vitigni, si producono vini eccellenti e rinomati sin dal 1700 e distillati (“filu ‘e ferru”).

Costituisce una tradizione locale anche l’apicoltura dalla quale si ottengono varie qualità di miele, come quello raro e pregiato amaro, ottenuto dai fiori di corbezzolo.

A quattro chilometri dall’abitato si trova l’altipiano di Osono, da cui si ha una veduta che si estende a est sul mare e a nord sulle montagne ricoperte da una splendida foresta di lecci e ginepri, dove è facile avvistare branchi di mufloni ed altri animali come volpi, cinghiali, martore…

In questa stessa area sono state rinvenute le imponenti tombe dei giganti e la fortezza Bau Nuraxi, testimonianze dell’antica civiltà nuragica.

Nel parco di Mullà, a 3 chilometri dal centro abitato, si possono ammirare i lentischi millenari e godere dell’atmosfera dell’antica chiesa (XVIII secolo), in cui si celebra ancora oggi la festa di Sant’Antonio.

Di Ardali, frazione di Triei, si ricorda la leggenda secondo la quale l’odierno piccolo centro fu una città ricca e popolosa.

A un chilometro dall’abitato è ubicata una vecchia miniera per l’estrazione dell’argento e del piombo, funzionante fino agli anni ’50. Gli artigiani del paese sono abili nella tessitura al telaio.

I piatti tipici locali sono il brodo e l’arrosto di capra, arrosti di porchetto, capretto e agnello. Dolci tradizionali sono pabassina, pirighittu, seada, turrone.

INFO SU TRIEI 

Dove dormire

Dove mangiare 

Info istituzionali

Comune di Triei
Piazza Municipio, 34 – 08040 – Triei – telefono: +39.0782.619008 – fax: +39.0782.618131
e-mail: [email protected] – sito istituzionale: www.comune.triei.ogliastra.it